Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Confronto tra Capture One Pro 7, DxO Optics Pro 8 e Lightroom 4

staff 26 Gennaio 2013 Commenti disabilitati su Confronto tra Capture One Pro 7, DxO Optics Pro 8 e Lightroom 4
Confronto tra Capture One Pro 7, DxO Optics Pro 8 e Lightroom 4

La fotografia non è forse ai livelli del passato, ma le possibilità di creare immagini spettacolari sono sicuramente più “alla portata” rispetto al mondo analogico di qualche anno fa.
Gli strumenti per intervenire sui negativi digitali (i file RAW) sono in continua evoluzione e le loro funzioni permettono di raggiungere risultati impensabili da chi non li conosce a fondo.

Nell’articolo che vi segnaliamo (in lingua inglese) vengono presi in esame e confrontati tre dei prodotti di maggiore diffusione per sviluppare i file RAW, ma che rappresentano anche dei completi strumenti DAM (Digital Asset Management) in grado di gestire completamente il proprio flusso di lavoro digitale.

I contendnenti sono :

Capture One Pro 7 – di Phase One, la produttrice danese dei popolari sistemi medio formato digitale
DxO Optics Pro 8 – il software di DxO, azienda impegnata nei test approfonditi dei moderni sensori digitali
Lightroom 4 – di Adobe, il più conosciuto software nella propria categoria, recentemente aggiornato alla versione 4

A questo indirizzo trovate l’articolo completo.

Vi riportiamo qui sotto la traduzione delle conclusioni relative alla qualità di immagine ottenibile :

La qualità d’immagine è per molti di noi il tratto che definisce la qualità di un convertitore RAW, ma la realtà è che le differenze tra i tre programmi testati sono relativamente lievi.
E quelle che esistono, si attestano attorno al rendering di default. Dove sono coinvolti i colori, il contrasto e la saturazione, è raro che si possa raggiungere un risultato in un convertitore che non è ragionevolmente imitabile negli altri due.

Detto questo, c’è un ovvio beneficio nell’ottenere l’immagine migliore possibile per cominciare il lavoro di postproduzione.
E mentre ogni app gestisce i colori di un modello di fotocamere in modo migliore rispetto ad un’altro, è difficile trovare problemi con i settaggi di default di DxO Optics Pro.
Il suo recupero delle luci alte e la rimozione del moiré non sono robuste come i competitori, e la riduzione del rumore di luminanza ad alti ISO è un po’ troppo aggressiva, ma per l’esportazione di un JPEG ad un cliente senza nemmeno il tempo per i controlli manuali di base, avrei più fiducia in DxO Optics Pro 8 per produrre i migliori risultati.

Queste invece le conclusioni globali su quale prodotto è da preferire :

Come accennato, la scelta tra quale programma preferire dipende dal modo di lavorare.
Se scattate prevalentemente in studio ed avete bisogno di una modalità acquisizione diretta realmente affidabile il miglior prodotto è Capture One Pro 7.
Se lavorate con una quantità relativamente limitata di immagini ed avete già un sistema di gestione delle foto, DxO Optics Pro 8 offre forse il miglior punto di partenza per le vostre modifiche.
E se volete la migliore efficienza nel flusso di lavoro, e necessitate stretta integrazione con Adobe Bridge o Photoshop con l’applicazione più ricca di funzioni sul mercato, Lightroom 4 può fare al caso vostro.
Come “RAW shooters” avete oggi a disposizione strumenti di incredibile efficienza, con i quali ottenere risultati davvero spettacolari.

fonte [ZMPHOTO]

Non è possibile lasciare commenti