Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Le Apparizioni di San Michele sul Monte Gargano

staff 11 Ottobre 2011 Commenti disabilitati su Le Apparizioni di San Michele sul Monte Gargano

Dopo lo strepitoso successo della scorsa edizione (2010), anche quest’anno oltre trecento figuranti ed attori in abiti bizantini e longobardi daranno vita alla Sacra Rappresentazione  delle Tre Apparizioni di San Michele al Monte Gargano, creando un’atmosfera trepidante e sacra che pervaderà tutta la Città dell’Arcangelo. GALLERIA FOTOGRAFICA

E’ l’edizione 2011 dell’evento culturale “Le Apparizioni di San Michele sul Monte Gargano”, in programma domenica 25 settembre a Monte Sant’Angelo, organizzato dall’Associazione Insieme per…- Centro di Promozione Culturale Terra dell’Arcangelo, in collaborazione con il Comune di Monte Sant’Angelo, la Basilica di San Michele, i Padri Micheliti, l’Ente Parco Nazionale del Gargano.

“Stiamo registrando una grande voglia di partecipare attivamente da parte dell’intera comunità cittadina. Molti giovani e meno giovani si stanno confezionando abiti per l’occasione. – precisano gli organizzatori – L’evento, pur essendo solo alla seconda edizione, è diventato un importante appuntamento sentito dalla gente e dai tanti pellegrini che nel mese di Settembre visitano il Santuario di San Michele”.

La manifestazione si incentra sul Corteo Storico, composto da figuranti e tre carri con scene animate, che all’imbrunire del 25 settembre sfilerà lungo le vie principali di Monte Sant’Angelo, culminante in Piazza Beneficienza nella Sacra Rappresentazione dell’intero ciclo delle Apparizioni, dall’episodio del “Toro” all’Apparizione dell’Arcangelo al Vescovo di Siponto, dall’episodio della “Battaglia” alla processione degli otto Vescovi alla Grotta.

“Il Corteo che proponiamo non è una rievocazione storica classica, – spiega il Presidente dell’Associazione organizzatrice, Avv. Michele Picaro, – ma un vero e proprio “dramma sacro”, rientrante nel filone delle Sacre Rappresentazioni medievali. Non c’è un evento storico da rievocare, ma viene raccontato scenicamente l’origine del culto micaelico sul Gargano, luogo da cui si è diffuso in tutta l’Europa Cristiana, così come ci è stato nei secoli tramandato. L’evento è un “mix” di storia e mito, di fede e tradizione, di spettacolo e cultura, costituendo così un “unicum” nel panorama delle manifestazioni rievocative”.

La Tradizione fa risalire l’avvento del culto micaelico sulla montagna garganica all’ultimo decennio del V secolo fissando al 490, 492 e 493 le tre apparizioni dell’Arcangelo al Vescovo di Siponto, Lorenzo Maiorano, anche se la storiografia più recente ritiene che l’episodio della “Battaglia” (II apparizione) traduca in forma leggendaria la vittoria riportata dai longobardi di Benevento sui bizantini avvenuta presso il promontorio garganico nel 650. Tale battaglia sancì ufficialmente il legame del popolo longobardo con il Santuario Garganico .

A tal proposito è da ricordare che da quest’anno il Santuario di Monte Sant’Angelo è ufficialmente iscritto nella Lista UNESCO dei Patrimoni dell’Umanità, nell’ambito del sito seriale dei monumenti Longobardi in Italia. “In occasione dell’iscrizione UNESCO del nostro Santuario, – dichiarano gli organizzatori – abbiamo voluto quest’anno arricchire il Corteo con un altro carro scenico, quello dell’episodio della Battaglia, ove sarà inscenata la vittoria dei Longobardi sui Bizantini”.

Fonte: Montegargano.it

Non è possibile lasciare commenti